Come definito dalla Legge di Bilancio 2019, l’Alternanza Scuola Lavoro ovvero percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento cambiano aspetto: nuovo nome e meno ore. Si chiamerà “Percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento” e la sua durata sarà nell’ultimo triennio di almeno 90 ore nei licei, di 150 ore negli istituti tecnici e di 180 ore nei professionali.

Le novità dovranno applicarsi da subito. Entro fine febbraio un decreto del Miur definirà le nuove linee guida.

In attesa del decreto rimane certo il carattere obbligatorio dei nuovi percorsi, così come è stato ribadito dallo stesso Ministro dell’Istruzione l’elevato valore strategico attribuito a queste esperienze.

La centralità dell’Alternanza è confermata anche dal fatto che alla prova orale del nuovo esame di maturità del prossimo giugno i candidati dovranno esporre le esperienze di Alternanza Scuola-Lavoro svolte.

A tal riguardo il ministro Bussetti ha anche precisato che “se un istituto vuole fare più ore è libero di farlo”.