Vito Masciale

È con grande gioia, orgoglio ed affetto che la famiglia Snals  di Bari Bat  ha appreso l’ elezione all’unanimità a segretario regionale dello Snals del prof. Vito Masciale  suo segretario provinciale Il passaggio di testimone fra la dott.ssa  Chiara Bernardi che ha ricoperto questo ruolo dal 2008 ad oggi è avvenuto a margine del convegno che si è tenuto il 29 novembre a Santa Cesarea terme dal titolo :

La scuola di Puglia Costruire insieme il Rinascimento del terzo millennio. a cui hanno partecipato anche autorità scolastiche, politiche ed accademiche .

Al nuovo segretario regionale e ai componenti il nuovo consiglio regionale fervidi auguri di sereno e proficuo lavoro

Di seguito il testo  che il subito dopo l’elezione il neo eletto segretario regionale ha rivolto ai presenti.

Care colleghe e cari colleghi è una grande emozione. In genere sono più distaccato, ma oggi credo sarà molto difficile. Probabilmente deve essere così ed è giusto che sia così, perché il nostro ruolo all’interno del sindacato, la serietà con cui svolgiamo questo lavoro, tanto difficile quanto bello, e facciamo fronte a tutte le complesse relazioni che ne derivano, non possono prescindere dal rapporto umano, che ne costituisce la base fondante.

Senza una profonda e costante ricerca del valore umano, etico e morale che attribuiamo al nostro compito di rappresentare altre persone, non potremmo mai svolgerlo con la capacità, l’empatia e la forza che sono necessari.

Voglio in primo luogo ringraziare tutte e tutti, per questa nomina così prestigiosa, per la fiducia e per il sostegno che mi dimostrate con questo voto e mi impegnerò per non deludere, nei fatti, la fiducia e la stima che mi state dando impegnandomi ogni giorno a servizio del sindacato.

In questi giorni ho molto pensato a cosa avrei potuto dire se questo momento si fosse avverato.

Nel farlo mi sono trovato a ripercorrere tante vicende di questi anni, a ricordare quando ho iniziato la mia attività sindacale.

Ho rivissuto nella mia testa gli anni intensi trascorsi: i consigli e la guida di Pina Di Giacomo, Vito Lozito e Luigi Lorusso che abbraccio con grande affetto, e ringrazio per la loro passione ed il loro entusiasmo e il sapere e l’esperienza che mi hanno trasmesso.

Ho ricordato e voglio ringraziare tutte le amiche e tutti gli amici di questo viaggio bellissimo: quelli incontrati in occasione di riunioni e trattative e le lunghe chiacchierate fatte durante e alla fine di quelle occasioni. Ho avuto il privilegio di avere potuto imparare qualcosa da ogni persona con cui ho lavorato e soprattutto le amiche e gli amici della  Segreteria Nazionale attuali e passati e quelli della Confsal che mi hanno accolto fin dal primo giorno con grande disponibilità e stima. Abbiamo lavorato intensamente e insieme abbiamo affrontato tantissime difficoltà con spirito di sacrificio, con l’onestà che ci contraddistingue tutti e con la forza della pazienza nel continuare a perseguire la

giustizia e la legalità che a volte sono percorsi impopolari e che richiedono uno sforzo di lavoro certosino che spesso viene scambiato come inerzia ma che, al contrario, consente di ricostruire dalle fondamenta, nel modo corretto, senza affrontare le varie tematiche risolvendole con interventi tampone che non fanno altro che rallentare e allungare i tempi senza risolvere il problema

Ringrazio i miei “compagni di viaggio” per l’affetto dimostratomi facendomi sentire parte di una famiglia e oggi mi lega a loro una profonda amicizia.

Voglio ringraziare in maniera particolare Lello Margiotta ed Elvira Serafini per avermi fatto crescere nel lavoro della conoscenza delle norme, nella competenza, che sta alla base di qualunque buona azione politico-amministrativa e che consente di affrontare le problematiche con sicurezza e determinazione.

Ringrazio Chiara De Bernardo che mi passa il testimone per la forza che ha dimostrato in questi anni, per non essersi lasciata piegare dallo scoraggiamento, dalle tante polemiche strumentali che ha dovuto subire anche a livello personale, per non aver mai perso di vista l’obiettivo di tutelare lo spirito dello Snals quello che fa dello Snals un sindacato differente dagli altri.

Sono convinto che, tanto lavoro è stato fatto e che presto se ne vedranno i frutti e che, tutti insieme, continueremo a lavorare per la scuola di Puglia.

Mi sono tornate in mente le tante giornate di lavoro insieme e i momenti conviviali, in cui comunque si continua a parlare di dinamiche politiche e sociali e di sindacato e del senso profondo del valore del sindacato.

Ho pensato che da tutto ciò e grazie a tutto ciò oggi noi possiamo e dobbiamo partire per dare vita ad uno splendido futuro: al futuro nostro come sindacato in terra di Puglia, al futuro della scuola pugliese nel contesto nazionale ed europeo, al futuro delle famiglie e delle generazioni di alunni pugliesi che meritano il meglio del servizio pubblico.

Vi ringrazio, Maria Rosaria Valentino e tutti i componenti della Provincia di Lecce ed in particolar modo il decano che ci ha lasciato qualche mese fa Totò Valentino, Angela De Santis e tutti i componenti della Provincia di Foggia, Elvira Serafini e tutti i componenti della Provincia di Taranto, Tonino Perugino e tutti i componenti della Provincia di Brindisi, e, naturalmente ringrazio tutti i componenti della Provincia di Bari per il supporto che mi avete dato in occasione della elezione come vostro segretario regionale: lo considero un grandissimo privilegio. Questo rappresenta per me un onore e una grande responsabilità nei confronti vostri e di tutti i colleghi che avete eletto nelle vostre scuole e che mi aiutano e supportano ogni giorno. Sono pertanto consapevole che l’unico modo per ringraziare e ripagare tutti Voi della fiducia accordatami, è quello di mettere come ho sempre cercato di fare tutto il mio impegno al servizio del sindacato al fine di garantirne il buon andamento e l’ulteriore progresso.

Il compito che attende me e gli altri amici del Consiglio eletto non è dei più facili: chi ci ha preceduto alla guida regionale ha sempre dato lustro e vigore a tutte le iniziative atte a stimolare, sostenere e a far crescere sempre di più il mondo scuola ed in particolare il benessere dei lavoratori della scuola sul posto di lavoro e nella società.

Oggi però, tutti assieme, dobbiamo affrontare una sfida ancora più ardua che ci vedrà e mi vedrà impegnato in prima linea al fine di riuscire a migliorare tutto quanto di buono è stato fatto in termini di informazione, divulgazione del mondo scuola e di tutela dei diritti di tutti coloro che operano nell’universo scuola pugliese.

In tale ottica mi aspetto una crescente attenzione da parte di tutti gli iscritti alla vita ed alle iniziative del sindacato, che saranno riportate sui media, sui siti del sindacato e sui social; l’invito che pertanto voglio trasmettervi è quello di attivarvi ancora, con rinnovata tenacia, nel coinvolgimento di tanti iscritti che credono nel sindacato e che credono nel l’unione dei lavoratori, fornendo soluzioni ai vari problemi, affermano la imprescindibile importanza democratica della partecipazione e costituiscono un approccio atto a dare un senso, una dignità e una qualità al nostro impegno sociale.

Voglio fare contemporaneamente gli auguri di buon lavoro al nuovo consiglio regionale , perché anch’esso, dovrà affrontare le difficoltà quotidiane con la grande forza e lo spirito di servizio che questo momento di grave crisi sanitaria-economico-sociale richiede per poter portare avanti bene l’azione sindacale e invito tutti a smorzare le polemiche, che non fanno altro che creare rallentamenti all’azione quotidiana e spostare l’attenzione dai veri problemi che invece devono essere affrontati con la giusta serenità, legalità e correttezza

Tutta le attività che si riescono a fare sono il frutto del lavoro quotidiano e costante dei nostri iscritti che, oltre al loro lavoro, sono costantemente impegnati nel promuovere cambiamenti e proposte che possano andare a vantaggio di tutti, con spirito di puro servizio.

Non sottovalutiamo il fatto che il nostro supporto è importantissimo per loro, per poter svolgere al meglio il ruolo che gli viene affidato e per consentire di portare avanti azioni e proposte che possano migliorare la nostra vita professionale e di conseguenza favorire l’eccellenza del nostro sindacato specialmente a partire da quest’anno che ci vedrà impegnati nel rinnovo delle Rsu.

Pertanto, nel ringraziarvi ancora per il vostro appoggio, auguro a tutti noi di continuare la nostra azione propositiva e di ampia partecipazione nelle scelte e nel futuro del nostro sindacato.

Concludo e vi lascio con una frase di J.F. Kennedy:

“Il cambiamento è una legge della vita e coloro che si ostinano a guardare sempre solo al passato o si concentrano unicamente sul presente possono essere sicuri di perdersi il futuro.”

Auguro a tutti noi buon lavoro. Un caloroso abbraccio a tutti voi.

Vito Masciale

Dopo l’infruttuoso incontro dei giorni scorsi i sindacati hanno proclamato lo sciopero del personale della scuola per l’intera giornata del 10 dicembre 2021.in allegato il testo della proclamazione unitaria

Proclamazione sciopero Comparto Istruzione e Ricerca – Settore Scuola 10.12.21

Manifestazione di protesta presso l’Ufficio Scolastico Regionale Puglia, via Castromediano, 123 – Bari.

 

 

                                                                                                                  Roma, 9 ottobre 2021
Comunicato unitario di solidarietà alla CGIL
La devastazione della sede nazionale della CGIL a Roma da parte di un gruppo di violenti squadristi costituisce un’inaccettabile violazione delle libertà democratiche.
Non è concepibile che nel 2021 si sia costretti a ricorrere alle forze dell’ordine per tutelare la normale integrità di una sede sindacale.
I colpevoli vanno identificati con rapidità e severità.
I sindacati rappresentativi dell’istruzione non si fanno intimorire, restano vigili ed attivi per tutelare la democrazia ed i valori costituzionali e si stringono tutti vicini alla Confederazione CGIL formando virtualmente un muro a difesa delle lavoratrici, dei lavoratori e dei loro rappresentanti.
Uniti perché non succeda mai più.

CISL FSUR

Maddalena Gissi

UIL Scuola RUA

Giuseppe Turi

SNALS Confsal

Elvira Serafini

GILDA Unams

Rino Di Meglio

pensioni

Il Ministro ha emesso il decreto  e la circolare relativa alle cessazioni dal servizio del personale scolastico dal 1° settembre 2022, la data di scadenza per la presentazione delle domande è stata fissata al 31 ottobre p.v.

I testi integrali del decreto, della circolare esplicativa  e la tabella che indica i requisiti richiesti sono consultabili ai seguenti link:

MI-GABMI_Decreto_294_01-10-2021

MI-DGPER_Nota_30142_01-10-2021

MI Tabella riepilogativa requisiti pensionistici  2022

Domani  lunedì 27 settembre gli studenti delle scuole superiori baresi e dei comuni della provincia scenderanno in piazza per manifestare contro la scelta del prefetto di Bari di attuare i doppi turni di ingresso a scuola.
A fronte di detta decisione  i sindacati hanno già  manifestato il
loro dissenso con un sit-in di protesta tenutosi il 17 settembre e hanno riferito le ragioni della protesta direttamente al prefetto di Bari  nel corso di una riunione svoltasi a margine dello stesso sit-in.
Premesso quanto sopra,  ora con il comunicato in allegato  esprimono pieno sostegno alla manifestazione di protesta degli studenti e sottolineano l’assenza di interlocuzione politica
con i soggetti istituzionali responsabili di tali .
Comunicato 26 Settembre 2021

Le segreterie unitarie di Puglia e di Bari, di FLC-Cgil, CISL Scuola, UIL Scuola, SNALS Confsal e Gilda,hanno inviato, come da intese raggiunte nella riunione tenutasi a margine del sit-in di protesta del 17 settembre u.s., la richiesta di allargamento al prefetto di Bari del tavolo regionale sulla ripartenza della scuola , già convocato per martedì 21 settembre p.v. o, in alternativa , di una riunione cui
partecipino tutti gli attori coinvolti.
Lo stato di agitazione dell’intera categoria non si arresterà sino a quando, per la città metropolitana di Bari, non verrà condivisa una soluzione che rispetti le esigenze delle scuole, delle famiglie e degli alunni e che sia una vera alternativa ai doppi turni con 100 minuti di
slittamento degli ingressi a scuola

in comunicato ufficiale è consultabile al seguente link

COMUNICATO 19 SETTEMBRE 2021 pb

Non si ferma l’attenzione e l’azione dei sindacati per raggiungere l’obbiettivo di eliminare i doppi turni nelle scuole secondarie della città metropolitana di Bari.  Nella certezza che solo il lavoro armonioso delle varie istituzioni coinvolte possa portare a migliorare la situazione e raggiungere il fine conclamato e condiviso del benessere a scuola le  organizzazioni sindacali  rivolgono l’invito alla dott.ssa  Antonella Bellomo ,prefetto di Bari, a convocare i componenti del tavolo permanente regionale per l’avvio dell’anno scolastico 2021/2022 ovvero, in alternativa,  ad essere presente alla riunione del predetto tavolo indetta dal direttore dell’ufficio scolastico regionale   per martedì 21 settembre alle ore 12.00 al fine di dare voce alle necessità peculiari della città metropolitana, previo accordo con il direttore dell’ufficio scolastico Regionale per la Puglia dottor Giuseppe Silipo ,
Il problema del doppio turno nella nostra regione sussiste ormai
soltanto per la città metropolitana di Bari , e  la dottoressa Bellomo si era dichiarata disponibile  ad  un più ampio confronto nel corso dell’incontro a margine del sit-in del 17 settembre u.s.

il testo integrale del comunicato emesso dalle organizzazioni sindacali è consultabile a al seguente link

Prefetto di Bari_Direttore USR di Pugllia_U

Purtroppo anche la riunione con il Prefetto non ha prodotto risultati concreti, anzi ci ha confermato la linea degli ingressi scaglionati, che tanti disagi organizzativi causeranno alle scuole e alle famiglie baresi.
Noi non ci stiamo, è inconcepibile che l’incapacità della Regione – caso pressoché unico in Italia per Città metropolitane di dimensioni come quella di Bari – di predisporre, in quasi un anno, un piano dei trasporti efficiente e completo ricada sulla quotidianità di migliaia di lavoratori del comparto, di migliaia di studenti e sulla qualità
stessa dell’offerta formativa, già minata da misure organizzative anti Covid”.
Lo dichiarano i segretari generali e delle categorie della scuola di CGIL CISL UIL, Snals e Gilda a margine dell’incontro con il Prefetto di Bari, avvenuto nel corso della manifestazione unitaria indetta stamattina.
Dal tavolo è emerso l’impegno di riunire nel più breve tempo possibile tutti gli attori del sistema scolastico, poiché si è appreso che lo scaglionamento è determinato essenzialmente da una cautela di natura sanitaria.
La mobilitazione continua, non ci fermeremo finché non otterremo un ritorno in presenza a turno unico senza discriminazioni e limitazioni, così come previsto dal Ministero.
Chiediamo che tutti i soggetti interessati si mobilitino per ottenere in tempi rapidi soluzioni che vengano incontro alle esigenze delle scuole, delle famiglie, degli alunni.

il documento integrale è consultabile cliccando sul seguente link

Comunicato sit-in 17 settembre 2021 (1)

Per protestare contro il documento emesso dalla Prefettura di Bari  che prevede la differenziazione degli orari di ingresso per le scuole superiori della provincia di Bari  come soluzione agli atavici problemi di carenza dei traposti destinati agli studenti le segreterie  territoriali di CGIL – FLC Cgil, CISL – CISL Scuola, UIL – UIL Scuola,
CONFSAL – SNALS e CGS – GILDA organizzano, con il sostegno del personale scolastico, degli studenti, dei genitori e di quanti tengono alla scuola barese,  davanti al palazzo della Prefettura un
SIT IN DI PROTESTA DELLE COMUNITÀ SCOLASTICHE BARESI
VENERDÌ

17 Settembre 2021 ore 10
Piazza Libertà – Bari

Al contempo, le sottoscritte segreterie territoriali chiedono un incontro urgente al Prefetto di Bari al fine di ricercare una soluzione alternativa immediata che eviti di scaricare gli enormi problemi organizzativi sottesi all’adozione del piano sulle famiglie, sugli istituti pugliesi e sui lavoratori della scuola, sui quali come al solito si ripercuotono limiti e assenze delle istituzioni e della politica locale che, da noi più volte richiamate, avrebbero dovuto affrontare per tempo la questioni assumendo altre e più ragionevoli azioni

il testo integrale del comunicato  consultabile al seguente link

Comunicato sit-in trasporto scolastico Definitivo